Addominoplastica

ADDOMINOPLASTICA

Un addome piatto è sicuramente una delle richieste che maggiormente vengono manifestate ad un chirurgo plastico, non solo da parte delle donne ma anche da parte degli uomini. L’intervento che permette di esaudire questo desiderio è l’Addominoplastica. Tale procedura è rivolta a chi, dopo gravidanze, forti dimagrimenti o vita sedentaria, presenta un addome globoso o un eccesso di pelle e grasso che non sono eliminabili con diete o attività sportiva. Un addome rilassato può essere trattato o con l’Addominoplastica completa o con la Mini-Addominoplastica. La prima è indicata quando gli inestetismi riguardano la zona che va dal pube al seno per le donne, ai pettorali negli uomini. La Mini-Addominoplastica è indicata per eccessi di cute e grasso solo nella regione al di sopra del pube. Nelle donne, successivamente alle gravidanze può essere presente un allontanamento dei muscoli retti dell’addome (diastasi dei retti) o ernie ombelicali o para-ombelicali, che possono essere riparate attraverso l’Addominoplastica.

VISITA PER L’INTERVENTO

Come sempre, la visita costituisce un momento fondamentale del percorso che porterà all’intervento. Il Chirurgo, in questa sede, studierà il/la paziente in piedi e poi distesa per valutare se vi è un eccesso di pelle, di grasso, se vi è una diastasi dei retti dell’addome e pianificherà l’intervento da effettuare. Il Chirurgo inoltre elencherà le possibili complicanze, quali infezioni e sieromi.

L’INTERVENTO DI ADDOMINOPLASTICA

L’intervento ha una durata di circa 3 h, e può essere effettuato in anestesia generale o con l’anestesia spinale, con una o due notti di ricovero. I drenaggi vengono sempre utilizzati in questo tipo di intervento.

PREPARAZIONE ALL’INTERVENTO

A tutti i pazienti viene richiesta un’ecografia addominale per valutare la presenza o meno di diastasi dei retti dell’addome e/o di ernie per una migliore pianificazione dell’intervento, oltre agli esami del sangue, l’elettrocardiogramma e una radiografia del torace. Una volta effettuati tutti gli esami prescritti, la paziente incontrerà l’Anestesista che valuterà l’idoneità all’intervento. Si consiglia,per almeno quindici giorni prima della procedura,di non assumere farmaci che contengano acido acetilsalicilico( Aspirina), così come gli antinfiammatori e di sospendere il fumo di sigaretta, quest’ultimo responsabile di alterata cicatrizzazione e sieromi.

DECORSO POST-OPERATORIO

Fin dall’uscita dalla sala operatoria, la paziente indosserà una guaina contenitiva (pancera) che dovrà portare per alcune settimane a seconda del caso. A 3-4 giorni dall’intervento vengono rimossi i drenaggi e viene effettuata la prima medicazione, a 14 giorni verranno rimossi i punti di sutura. Il gonfiore inizierà a diminuire poco a poco per scomparire definitivamente dopo circa 6 mesi.

ANESTESIA

L’anestesia in chirurgia plastica, come per tutte le branche chirurgiche, merita grande attenzione e scrupolosità.
Ogni Paziente che decide di sottoporsi all’intervento viene studiato dall’equipe anestesiologica del Dottor Geiger per decidere quale anestesia debba essere utilizzata rispettando ed utilizzando il massimo degli standard in termini di sicurezza e professionalità.

FAQ

Quando è possibile fare sport dopo l’Addominoplastica?

A 45 giorni dall’intervento è possibile tornare all’attività sportiva, evitando nel primo mese esercizi per gli addominali.

E’ possibile avere un altro figlio dopo l’Addominoplastica?

L’aver effettuato l’intervento non costituisce un ostacolo ad una nuova gravidanza.

E’ possibile togliere le smagliature con l’ Addominoplastica?

E’ possibile togliere le smagliature con l’ Addominoplastica?

Oltre all’addome rilassato ho anche dei fianchi che non mi piacciono, cosa posso fare ?

Si può associare all’intervento di Addominoplastica anche una liposuzione dei fianchi.

CHIEDI ALL' ESPERTO